mar14th

La gabbia dei matti

By Antonio Costantini

La gabbia dei matti

Camminano tutti come cadaveri ambulanti,
sembrano felici, ma sono ansanti.
Dentro son tutti depressi e infelici,
perché sanno di prendere gli ansiolitici.

Vivono in una cella tutti stretti,
perché uno strano destino gli ha costretti;
non vedono più un cielo blu, ma rosso:
quel rosso sangue, simbolo di un forte scosso.

Qui sono tutti ammassati e insoddisfatti.
E’ il peggior luogo, è la gabbia dei matti:
dove chi entra per sempre ci resta…
anche se qualcuno viene e li desta.


Nessun commento

Non ci sono ancora commenti. Puoi essere il primo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>